Uniacque Spa - servizio idrico integrato

Vai al contenuto della pagina | Vai al menu

Sentenza Corte Costituzionale n.335 del 10 ottobre 2008
Rimborso quota depurazione non dovuta Chiedi informazioni...

La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 335 del 10 ottobre 2008, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'articolo 14, comma 1, della legge 5 gennaio 1994, n. 36 e dell'articolo 155, comma 1, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 nella parte in cui prevedono che la quota di tariffa riferita ai servizi di pubblica fognatura e di depurazione sono dovute dagli utenti anche nel caso in cui manchino impianti di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi.

Pertanto, la tariffa di depurazione delle acque non è dovuta dagli utenti che sono allacciati a reti fognarie NON collegate ad impianti di depurazione attivi.

Di conseguenza le somme versate da tali utenti al proprio gestore saranno rimborsate da Uniacque spa.

Sull'argomento sono successivamente intervenuti prima l'art. 8 sexies della L. n. 13/2009, che ha stabilito che dalle somme da rimborsare devono essere dedotti gli oneri connessi alle attività di progettazione e di realizzazione o completamento degli impianti di depurazione per il periodo oggetto del rimborso, e successivamente il D.M. n. 102 del 30 settembre 2009 relativamente alla procedura di rimborso delle quote indebitamente pagate dagli utenti.

Con la delibera n. 6 del 24 marzo 2015, l'UATO di Bergamo ha approvato le Linee Guida delle procedure per l'individuazione degli utenti aventi diritto al rimborso del canone di depurazione, in attuazione della citata sentenza n. 335/2008 e ha contestualmente preso atto degli elenchi contenenti i soggetti aventi diritto a tale rimborso.

Le quote da rimborsare sono state distinte in due periodi, il primo, che va dal 15 ottobre 2003 al 15 ottobre 2008, ricompreso nell'intervallo disciplinato espressamente nella citata sentenza della Corte Costituzionale e l'altro, relativo al periodo successivo che va dal 16 ottobre 2008 al 31 dicembre 2014, durante il quale il comportamento censurato è comunque proseguito:

Primo PERIODO dal 15 ottobre 2003 al 15 ottobre 2008: il rimborso avviene a seguito di istanza che l'utente deve presentare entro il 31 luglio 2015.

Il rimborso, relativo a questo periodo, avrà luogo a partire dal 02 gennaio 2016, al termine del processo di verifica e validazione delle istanze presentate, conformemente a quanto previsto dalle linee guida emanate dall'UATO. Uniacque spa procederà dunque al rimborso degli importi dovuti, a scomputo nella prima fattura di consumo che verrà emessa, nei limiti di capienza della fattura medesima e pertanto fino a concorrenza dell'importo spettante sulle successive.

Inserendo il codice utente e codice servizio o ulm nell'apposita casella e premendo il tasto Controlla se hai diritto al rimborso sara' possibile appurare se l'utente fa parte dell'elenco degli aventi diritto al rimborso

La quota di rimborso è incrementata degli interessi di legge e ridotta degli oneri sostenuti per attività di progettazione e realizzazione degli impianti di depurazione, come deliberati dall'Uato di Bergamo.

Secondo PERIODO dal 16 ottobre 2008 al 31 dicembre 2014: il rimborso avviene in modo automatico

Uniacque, a partire dal 02 maggio p.v., con la prima fatturazione utile provvederà al rimborso automatico della quota spettante, relativa al secondo periodo, incrementata degli interessi di legge, senza la necessità di presentare alcuna istanza di rimborso da parte degli utenti aventi diritto. Anche in questo caso Uniacque spa procederà al rimborso degli importi dovuti a scomputo nella prima fattura di consumo che verrà emessa, nei limiti di capienza della fattura medesima e pertanto fino a concorrenza dell'importo spettante sulle successive.

Per ulteriori chiarimenti si rimanda alle fonti normative ed alle Linee Guida dell'Uato e di Uniacque spa

L'utente che ritenesse sottostimati gli importi a rimborso o non si ritrovasse nell'elenco, ma ritenesse di aver diritto al rimborso, può andare alla sezione Reclami


Chiedi informazioni...

Immettere i dati presenti in fattura

Contestazione degli importi conteggiati

Nel caso in cui l'Utente ritenga sottostimati o imprecisi i consumi oggetto di rimborso, puo' allegare all'istanza il modulo MD 7.2.01.32 sottostante, in cui vengono riportati gli estremi dei documenti di fatturazione, copia delle bollette di consumo, dal quale deve emergere in modo evidente il maggior consumo addebitato nel periodo. Una volta verificata la nuova documentazione, Uniacque spa si riserva di procedere alla rettifica dei dati e dell'entità del rimborso.

MD 7.2.01.32 -Prospetto riassuntivo dei consumi fatturati



Mancato inserimento. Contestazione elenco utenti aventi diritto al rimborso.

Nel caso in cui l'utente accedendo all'elenco pubblicato sul sito web di Uniacque SpA (relativo ai rimborsi del 1º periodo 15 ottobre 2003 - 15 ottobre 2008) non trovasse il proprio codice utente o un valore nullo o ridotto rispetto alle proprie risultanze, può in ogni caso procedere a richiedere il rimborso compilando il modulo il MD7.2.01.33 sottostante, allegando fotocopia della propria carta d'identità e fotocopia delle bollette pagate per le quali si chiede rimborso e farlo pervenire entro e non oltre il 31 luglio 2015.

MD 7.2.01.33 - Mancato inserimento in elenco reclamo

Il documento individua le domande più ricorrenti relative alle procedure, alle modalità operative ed ai criteri adottati per procedere alla restituzione della quota di tariffa di depurazione agli utenti aventi diritto in forza della sentenza della Corte Costituzionale n. 335/2008, della conseguente legge applicativa n. 13/2009 e del D.M. 30/09/2009 del Ministero dell'Ambiente, in quanto non serviti da impianti di depurazione ed inoltre per procedere al rimborso delle quote di tariffa di depurazione incassate indebitamente nel successivo periodo 16 ottobre 2008 - 31 dicembre 2014.

Scarica le FAQ

Dove posso chiedere informazioni

  • 0363 944479
  • rimborsi335@uniacque.bg.it
  • 800 905 102
  • Uniacque s.p.a. via Malpaga, 22 24050 Ghisalba (BG) Italy UE
  • tutti gli sportelli aziendali, individuabili sul sito Uniacque Spa

Marchio di certificazione
Uniacque S.p.A.: sede Legale Via Novelli, 11-24122 Bergamo.
R.I. BG - P.I. e C.F. 03299640163 - Cap. Soc. € 2.040.000,00 i.v. - R.E.A. BG 366188
Privacy
Progettazione siti web teamQuality